Microbiota endometriale ed endometriosi: quale correlazione?

Diversi studi hanno indagato la relazione tra endometriosi e microbiota intestinale. Tuttavia, anche la cavità uterina contiene il così detto "microbiota vaginale". Scopriamo che relazione esiste tra endometriosi e microbiota endometriale!
Microbiota endometriale

Di cosa parla questo articolo?

L’endometriosi è una malattia infiammatoria cronica estrogeno-dipendente che colpisce circa il 10% delle donne in età riproduttiva. Compromette notevolmente la qualità della vita delle donne che ne sono affette, in quanto i sintomi sono severi e invalidanti. Ad oggi, nonostante sia ancora di difficile diagnosi, diversi sono gli studi in corso e recentemente è stata trovata una correlazione con i microrganismi che colonizzano la zona dell’endometrio. Scopriamone di più insieme!

Di endometriosi avevamo già parlato in precedenza (ti consiglio di non perderti questo articolo), ma vista la scarsa conoscenza in materia (purtroppo!) anche da parte dei professionisti del settore è importante continuare a sensibilizzare sull’argomento e diffonderne nuove scoperte.

Che cos’è l’endometriosi?

L’endometriosi è una complessa malattia ginecologica caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale, ovvero la mucosa che riveste la cavità uterina, in sedi diverse quali:

  • ovaie
  • intestino
  • vescica
  • retto

Questa malattia è estrogeno-dipendente. È, cioè, correlata ad una eccessiva presenza degli ormoni estrogeni nella donna che ne soffre.

La sintomatologia è di tipo doloroso e caratterizzata da:

  • dismenorrea, ovvero dolore durante il periodo delle mestruazioni
  • ciclo mestruale irregolare
  • dispareunia, ovvero dolore durante i rapporti sessuali
  • dischezia, ovvero defecazione difficoltosa o dolorosa
  • dolore pelvico cronico
  • gonfiore addominale.

Nonostante la poca conoscenza in materia e la difficoltà della diagnosi (si calcola che in media occorrano sette lunghi anni di visite e incontri con specialisti prima che venga diagnosticata), ad oggi ci sono degli studi in corso. Il tutto con un unico obiettivo: migliorare la vita delle donne affette da endometriosi.

Tra essi rientra a pieno titolo uno studio pubblicato nel 2021 sulla prestigiosa rivista International Journal of Molecular Science che ha indagato la complessa interazione esistente tra il microbiota endometriale e l’endometriosi.

Ma microbiota, microbioma, eubiosi, disbiosi, probiotici.. termini sempre più di uso quotidiano, ma cosa significano? Prima di addentrarci in questo mondo, facciamo chiarezza!

IL TUO TEMPO È PREZIOSO!

Resta informato in modo semplice e veloce iscrivendoti alla Newsletter di Sestre.
In più per te il 10% di sconto sul tuo prossimo ordine

Che cos’è il microbiota

Per microbiota s’intende l’insieme dei microrganismi (batteri, virus, lieviti e protozoi) che vive sulla superficie e all’interno del nostro organismo e con cui esso stabilisce un reciproco rapporto. Nonostante siano maggiormente presenti nel tratto intestinale (in concentrazione crescente dal duodeno fino al colon), i microrganismi colonizzano tutte le superfici e le cavità corporee.

Queste diverse comunità microbiche sono fondamentali per la salute umana e delle sue alterazioni possono comportare uno stato di malattia.

Quando si è in una condizione di equilibrio tra organismo umano e suoi “ospiti”, si è in uno stato di omeostasi che in termine tecnico viene definito “eubiosi”.

In caso di squilibrio, dovuto ad un aumento di microrganismi patogeni o ad una diminuzione di probiotici (organismi con funzioni benefiche per l’uomo), si è in una condizione di “disbiosi”. Quest’ultimo è associato a diverse malattie infiammatorie, come le malattie infiammatorie croniche intestinali, la psoriasi, l’artrite, il cancro e recentemente è stato visto anche per l’endometriosi.

Cos’è il microbioma

Seppure utilizzati come sinonimi, il microbiota e microbioma sono due concetti diversi: il microbioma rappresenta l’insieme dei geni dei microrganismi che compongono il microbiota. Attraverso moderne tecniche di metagenomica, ad oggi è possibile studiare la composizione del microbiota.

Cos’è il microbiota endometriale

Come tutte le superfici corporee anche la cavità uterina non è sterile, seppure in passato si pensava che il tratto dell’apparato riproduttivo superiore (utero, tube di Falloppio e ovaie) lo fosse. Infatti, a differenza del ben più noto microbiota vaginale, molto meno conosciuto è quello dell’ambiente uterino. In seguito a esame batterico del fluido endometriale e aspirazioni vaginali di donne in età riproduttiva, è stato evidenziato un distinto microbiota endometriale.

Infatti, vagina e canale cervicale sono popolati principalmente da Lactobacilli: il microbiota vaginale sano così composto rappresenta una difesa per la stessa zona dalla minaccia di virus e batteri (quando diminuiscono i Lactobacilli, si lascia “spazio” ad altri virus e batteri patogeni che possono colonizzarsi). Man mano che si sale verso le vie genitali alte, la situazione cambia: seppure secondo alcuni studi continua la maggiore presenza in Lactobacilli, aumenta la diversità dei microrganismi, cioè sono presenti specie diverse.

Endometriosi e microbiota

La ricerca scientifica ha iniziato a concentrarsi sul ruolo del microbiota nella patogenesi dell’endometriosi. Lo studio pubblicato nel 2021 dal titolo “Intricate Connections between the Microbiota and Endometriosis” ha considerato la letteratura scientifica e le evidenze esistenti nella stretta correlazione tra microbiota e endometriosi.

È stato evidenziato che, nel momento in cui si crea uno squilibrio nella composizione del microbiota endometriale, si verifica uno stato di disbiosi, così come detto in precedenza (che termine difficile, lo so!). La disbiosi interrompe la normale funzione immunitaria, determinando:

  • aumento di citochine pro-infiammatorie (ovvero molecole che stimolano lo stato di infiammazione)
  • compromissione dell’immunosorveglianza
  • alterazione del profilo delle cellule immunitarie

Tutto ciò può portare al progredire dello stato infiammatorio cronico, creando un ambiente favorevole all’insorgenza e alla progressione dell’endometriosi.

Inoltre, lo studio riporta come, in caso di endometriosi, il microbiota risulti diminuito nella sua composizione in Lactobacilli, a fronte di un aumento di batteri che inducono vaginosi batteriche e altri patogeni opportunistici.

Lo studio ha dimostrato anche l’efficacia del trattamento con probiotici e antibiotici nel trattamento dell’endometriosi e che, soprattutto, il microbiota del tratto riproduttivo superiore potesse predire con successo rischio e stadio di malattia.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per caratterizzare il “core” microbico, ovvero il nucleo di microrganismi comuni in tutti i soggetti, a livello dell’apparato riproduttivo superiore per studiarne più a fondo le correlazioni con l’endometriosi. Ma non demordiamo, step by step! Questo è già un primo passo.

Trattamenti per alleviare i sintomi dell’endometriosi

Oggi gli studi ancora non sono concordi nel definire il microbiota endometriale in condizioni normali.

Si conosce, tuttavia, la composizione dell’ambiente vaginale e si sa che non è isolato: ci sono continui scambi con retto, vescica, via linfatica ed ematica e ciascun distretto influenza l’altro.

Per questo risulta importante mantenere in salute il microbiota vaginale. Ecco alcuni consigli:

  • utilizzare saponi corretti per il lavaggio intimo e effettuarne massimo due al giorno (se in numero maggiore utilizzare sola acqua)
  • evitare (quando possibile) di utilizzare salvaslip per non intaccare la temperatura dell’ambiente vaginale
  • non indossare indumenti stretti per tutta la giornata
  • supplementare con probiotici realmente attivi

Sestre Colon

Non solo benessere vaginale! Visto l’impatto sistemico della malattia, per migliorarne i sintomi, è consigliato prendersi cura di noi stesse a 360°. Quale miglior modo se non alleviare i fastidiosi sintomi intestinali?!

Per farlo Sestre ha formulato Sestre COLON, un integratore contenente i principi attivi della Dieta Mediterranea utile per favorire l’equilibrio intestinale. Permette di:

  • proteggere il microbiota intestinale
  • combattere la stitichezza ricorrente
  • prevenire le infiammazioni

Con estratti di broccoli, menta e melissa, contiene:

  • quercetina, sostanza dalla potente azione antiossidante, in grado di contrastare lo stress ossidativo responsabile dello sviluppo e della persistenza di tessuto endometriale nella cavità peritoneale
  • inulina, presente all’interno della radice di cicoria e carciofo, svolge la funzione di nutrimento per i microrganismi intestinali
  • bromelina, dall’azione antinfiammatoria (visto il ruolo dell’infiammazione nell’endometriosi) e digestiva

FONTE:

Jiang I, Yong P J, Allaire C, Bedaiwy M A, Intricate Connections between the Microbiota and Endometriosis, Int. J. Mol. Sci. 2021, 22, 5644. https://doi.org/ 10.3390/ijms22115644

Sestre Colon

Ricco di Inulina di Cicoria e di Quercetina, Sestre Colon è il miglior integratore per combattere la stitichezza, proteggere il tuo microbiota e prevenire le infiammazioni che spesso causa l’endometriosi al nostro tratto intestinale.

Sestre Colon è ricco anche di estratto di carciofo, finocchio e broccolo, super indicato per prevenire la ritenzione idrica e problemi gastrointestinali.

Continua a seguirci!

Sestre è una startup innovativa che si occupa del benessere delle donne in tutte le fasi della sua evoluzione: dalla fertilità al parto, fino alla menopausa.

Vogliamo starti vicina, supportarti e aiutarti a vivere al meglio il miracolo di essere donna. Allo stesso tempo vogliamo combattere le “fake news” e informare scientificamente le donne della nostra community.

Se anche tu credi alla nostra missione, aiutaci a condividere informazioni a carattere scientifico e continua a seguirci sui nostri canali social per scoprire consigli e curiosità sul benessere psicofisico femminile.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON UN'AMICA A CUI POTREBBE INTERESSARE!

HAI DUBBI? FAI UNA DOMANDA NEI COMMENTI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi è Sestre?

Sestre è una startup innovativa fondata da un gruppo di donne, farmaciste e biologhe che hanno ideato, collaborando con istituti di ricerca, integratori nutraceutici specifici per il benessere femminile a 360°.
Le dottoresse di Sestre si prendono cura di te e del tuo benessere grazie ad un alleato prezioso che spesso sottovalutiamo: la dieta mediterranea.
Alla base dei nostri integratori ci sono formulazioni 100% naturali e vegan che sfruttano i benefici dei nutrienti estratti dagli alimenti della dieta mediterranea per rispondere a necessità specifiche dell’organismo femminile.

Trattamenti Nutraceutici

Per la fertilità femminile e maschile e regolarizzare l'ovulazione e la qualità spermatica

Sestre unisce ricerca scientifica e tecnologia per sviluppare soluzioni naturali che sfruttano la potenza nutritiva della Dieta Mediterranea per supportare il benessere mestruale e la regolarità ormonale femminile.

Articoli Correlati

Segui la Pagina

Articoli Recenti

Gli Integratori Nutraceutici sestre per la fertilità

Sestre è la startup femtech pugliese 100% al femminile che unisce l’amore per la Ricerca Scientifica, la Nutraceutica e la Tecnologia per supportare la fertilità e  per coadiuvare le disfunzioni ormonali femminili